Definizione

Schema del profilo

La Legge 27 dicembre 2017, n. 205 – “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020”, all’articolo 1 –  comma 594, stabilisce che ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n.   4, la   professione   di    pedagogista è compresa nell’ambito delle professioni non organizzate in ordini o collegi. Allo stesso articolo è detto che il pedagogista opera nell’ambito educativo, formativo e pedagogico, in rapporto a qualsiasi attività svolta in modo formale, non formale e informale, nelle varie fasi della vita, in una prospettiva di crescita personale e sociale, secondo le definizioni contenute nell’articolo 2 del D.lgs. del 16 gennaio 2013, n. 13.

I pedagogisti sono professionisti che operano campo dell’educazione formale e dell’educazione non formale, nel rispetto delle norme del relativo ordinamento e profilo professionale nonché dello specifico codice deontologico, con l’utilizzo di metodologie proprie della professione, in regime di lavoro autonomo, subordinato o, laddove possibile, mediante forme di collaborazione.

La disciplina della professione di pedagogista, prevista dalla presente legge, persegue gli obiettivi della Strategia europea deliberata dal Consiglio europeo di Lisbona del 23 e 24 marzo 2000, in materia di sviluppo dell’educazione formale, non formale e informale lungo il corso della vita dei cittadini europei per la realizzazione dello spazio europeo della società della conoscenza avanzata e competitiva, democratica e inclusiva, conformemente alle conclusioni 2009/C 119/02 del Consiglio europeo, del 12 maggio 2009, su un quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell’istruzione e della formazione («ET 2020»).

Il pedagogista è un professionista di livello apicale, specialista dei processi educativi e formativi, con propria autonomia scientifica e responsabilità deontologica, che svolge funzioni di progettazione, coordinamento, intervento e valutazione pedagogica, in vari contesti educativi e formativi, nei comparti socio-assistenziale e socio-educativo, nonché attività didattica, di ricerca e di sperimentazione.

Il pedagogista opera nei servizi e nei presìdi socio-educativi e socio-assistenziali, nei confronti di persone di ogni età, prioritariamente nei seguenti ambiti: educativo, formativo, scolastico, culturale, giudiziario, ambientale, sportivo e motorio, dell’integrazione e della cooperazione internazionale, nonché nei servizi e nei presìdi socio-sanitari limitatamente agli aspetti socio-educativi.

La stessa Legge 215/17 all’art. 1 comma 595 stabilisce che la qualifica di pedagogista è attribuita a seguito del rilascio di un diploma di laurea abilitante nelle classi di laurea magistrale di Scienze dell’Educazione.

Il pedagogista è esplicitato dall’ANPE nelle dimensioni classiche e nelle normative attuali e precisamente: 

  • Requisito di accesso
    Laurea in Pedagogia e/o Scienze dell’Educazione quadriennale, laurea specialistica 65/S – 56/S – 87/S o magistrale di secondo livello in una delle seguenti classi: Programmazione e gestione dei servizi formativi e psico-pedagogici (LM50), Scienze dell’Educazione degli adulti e della formazione continua (LM57), Scienze Pedagogiche (LM85); Teorie e metodologie dell’e-learning e della media education (LM93).
  • Settori di competenza
    Il Pedagogista, considerata figura di ambito sociale e non di ambito sanitario, svolge la sua funzione nei settori formativo, educativo, sociale, scolastico, giuridico, delle risorse umane, libera professione.
  • Le conoscenze del pedagogista
    Il pedagogista deve disporre di un bagaglio molto ampio di conoscenze circa le discipline e gli ambiti del pensiero che configurano la base epistemologica della pedagogia ed anche di conoscenze molto specifiche riferite all’ambito educativo in generale.
  • Le competenze professionali
    La competenza professionale del Pedagogista presuppone una gestione autonoma del proprio sapere che significa costante rielaborazione delle informazioni rispetto a situazioni nuove e confronto con una realtà lavorativa che sollecita l’acquisizione di nuovi saperi.
  • I compiti professionali
    I compiti del pedagogista sono caratterizzati da attività il cui contenuto è orientato soprattutto al coordinamento ed al controllo delle diverse aree in cui si esercita il compito stesso attraverso l’esercizio di funzioni che tendono al cambiamento e all’innovazione dei processi educativi.

Profilo professionale

Sulla base di sopra detto, il profilo professionale del pedagogista che ANPE delinea è il seguente:

  • Il pedagogista è lo specialista dei processi educativi e della formazione.
  • L’esercizio della professione di pedagogista comprende l’uso di strumenti conoscitivi, metodologici e di intervento per la valutazione ed il trattamento dei disagi manifestati dalle persone nei processi di apprendimento e/o di formazione-educazione. Il pedagogista opera altresì per la promozione, la progettazione, la gestione e la verifica di interventi in campo educativo e formativo rivolti alla persona, alla coppia, alla famiglia, al gruppo e alla comunità in generale.
  • Il pedagogista può svolgere, presso le Pubbliche Amministrazioni, nei servizi pubblici e privati e come libero professionista, compiti e funzioni di consulenza tecnico-scientifica e attività di coordinamento, di direzione, di monitoraggio e di supervisione degli interventi a valenza educativa, formativa e pedagogica nei settori di competenza. Egli può svolgere attività di orientamento scolastico e professionale, di attività di promozione culturale e interculturale anche attraverso l’organizzazione d’iniziative tecnico-scientifiche, la produzione e diffusione di pubblicazioni, l’allestimento la consulenza e l’aggiornamento di siti specialistici e lo svolgimento di consulenza on-line.
  • Il pedagogista svolge altresì attività didattica, sperimentazione e ricerca nello specifico ambito professionale.
  • Il pedagogista esercita la sua professione nel rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti con l’assunzione di responsabilità dei propri atti.

Dove lavora

Il Pedagogista, considerati i settori di competenza, può svolgere la sua prestazione professionale come dipendente in: Scuole, Enti locali, Servizi del Ministero della Giustizia, Università, Aziende, Imprese, Enti del privato sociale. Può altresì svolgere attività libero professionale presso studi privati o in collaborazione con Enti Pubblici e Privati.

A chi rivolge le sue prestazioni

Il Pedagogista eroga le sue prestazioni alla persona di qualsiasi età, alla coppia, alla famiglia, al gruppo ed alle istituzioni, attraverso attività educative, culturali, rieducative, formative.


Tratto da: “Il processo e gli strumenti per il riconoscimento dell’attività pedagogica come professione: il profilo professionale e il Codice deontologico del pedagogista” – ANPE – Copyright 2007

Condividi