Il 24 gennaio 2020 si celebra la seconda edizione della Giornata Mondiale dell’Educazione proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per onorare l’educazione e la sua centralità per il benessere umano e lo sviluppo sostenibile.

Essa è stata istituita per richiamare i Paesi membri ad un maggiore impegno per la realizzazione dell’obiettivo n. 4 dell’Agenda 2030 che è quello di “Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti”.

La Giornata Mondiale dell’Educazione è un’occasione importante per sottolineare il ruolo chiave dell’educazione nel dare alle persone le capacità, i valori, le conoscenze per costruire il loro futuro nonché promuovere la coesione sociale ed i valori come la democrazia, l’uguaglianza e lo stato di diritto.

Uno dei principi fondamentali, il più importante, è che l’educazione è un diritto umano per tutti perché offre beneficio a ciascun individuo e rafforza il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

L’educazione è altresì un bene pubblico e una responsabilità pubblica, ed è la forza più potente nelle nostre mani per garantire miglioramenti significativi nella salute, per stimolare la crescita economica, per sbloccare il potenziale e l’innovazione di cui abbiamo bisogno per costruire società più resilienti e sostenibili.

ANPE auspica che da qui al 2030 la giornata possa registrare continui, concreti e misurabili passi avanti ai quali anche i media italiani riservino finalmente l’attenzione che meritano e con questo scopo l’Associazione pubblica sul quotidiano La Repubblica edizione di Roma, Lazio e Centro Italia, una intera pagina sul tema dell’educazione.


Condividi