Animatori di conciliazione. Al via le iscrizioni in Puglia.


Anno internazionale della Pari Opportunità e nuove professionalità di ambito


L'Agenzia Pedagogica Europea, con il coinvolgimento operativo della Cooperativa Sociale Proxima, ha ereditato dall'ANPE la responsabilità di replicare ed implementare l'esperienza settoriale maturata, aggiungendo alla stessa ulteriori tasselli di specificità.

 

Infatti, l'ANPE,  dopo aver condotto con risultati positivi l'azione b1 del progetto Equal: "Donne, Media e Telecomunicazioni", a titolarità amministrativa della Provincia di Lecce, ha proposto tra l'altro al Governo Regionale della Puglia, di disciplinare la figura dell'Animatore di conciliazione e di regolamentare l'istituzione di "Centri di conciliazione": servizi per la promozione e la diffusione delle pari opportunità e delle politiche di conciliazione vita lavorativa e vita familiare.

 

Servizi citati nell'art. 28 della legge regionale della Puglia n° 19 /2006 e  nel comma e. dell'art. 11 della legge regionale della Puglia n° 7/2007.

 

Ciò alfine di capitalizzare esperienze, competenze, energie; di tesaurizzare i finanziamenti pubblici, di voler valorizzare quelle esperienze che meriterebbero per specificità e unicità d'ambito di trovare un più compiuto riconoscimento politico nella programmazione regionale.

 

Presupposti tutti, per sostenere la piena ricaduta occupazionale di questa nuova figura professionale e per  alimentare il mainstreaming di genere.

 

Nell’ambito della misura POR, 3.14, il sodalizio I.FO.C. – Azienda Speciale della CCIAA di Bari, Università di Bari – Dipartimento di Psicologia del lavoro, Agenzia Pedagogica Europea con la collaborazione della Cooperativa Sociale PROXIMA, sta per avviare le procedure di selezione nell’ambito del corso di formazione e qualificazione denominato: “ANIMATOTORI  DI CONCILIAZIONE VITA - LAVORO” .


Il corso è rivolto ad un gruppo di donne disoccupate/inoccupate, cittadine italiane o extracomunitarie immigrate residenti nel territorio della Regione Puglia ed in possesso di regolare permesso di soggiorno.

Il corso di 1000 ore complessive di cui 40 di orientamento, 560 di formazione d’aula e 400 di stage si propone tra le finalità quelle di: incrementare l’occupazione femminile attraverso la creazione di una  nuova figura professionale  capace di lavorare efficacemente in contesti socio- assistenziali ed educativi e  alimentare l’integrazione  della dimensione di pari opportunità tra donne e gli uomini in tutte le politiche ed attività. Si tratta di una figura professionale pensata per  promuovere l’equilibrio tra i generi nei processi decisionali e di diffondere quei  modelli lavorativi, culturali e comportamentali improntati alla diffusione delle pari opportunità e politiche di conciliazione vita lavorativa e vita familiare.

Le corsiste percepiranno un’indennità giornaliera per la frequenza e un rimborso spese di viaggio.

Il bando e la domanda di iscrizione sono scaricabili dai siti: www.ifoc.it; www.anpe.it; www.agenziapedagogicaeuropea.eu; www.proximanet.org. Ai fini della selezione, la domanda e il curriculum vitae europeo con allegata fototessera dovranno pervenire per posta o a mano entro e non oltre le ore 12.00 del 2 ottobre 2007 presso i.fo.c., Via E. Mola n. 19  - 70121 Bari - Tel. n. 080/5559504 Fax. N. 080/5533256.

Ulteriori informazioni possono essere richieste ai seguenti recapiti telefonici:

IFOC - tel. 080/5559504 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00); e.mail: segreteria.ifoc@ba.camcom.it. - PROXIMA coop. soc. - tel. 333/6783198 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00)e.mail:presidente@proximanet.org; AGENZIA PEDAGOGICA EUROPEA s.r.l. – tel. 393/6585705 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00) e.mail: info@agenziapedagogicaeuropea.eu.

 


La riproduzione parziale o totale della presente news è vietata se non citando la fonte: www.anpe.it.

Copyright 2017 ANPE - Tutti i contenuti sono di proprietà dell'ANPE, ne è vietata la riproduzione.

Designed by RC Service - Servizi Web